Contattaci

Contatti

Puoi inoltre inviarci una eMail, o trovarci sui nostri profili social!

Se vuoi dare un contributo alla nostra associazione, permettendoci di proseguire la nostra missione, puoi farlo tramite uno dei nostri canali attivi.

Non importa quanto! Anche 1 euro è importante

Mettici la faccia

Se vorrai, potrai parlarci della tua esperienza e condividerne i momenti con tutte le altre donne che hanno vissuto o vivono la stessa patologia.

Sui nostri social abbiamo lanciato l’hashtag #IOCIMETTOLAFACCIA tramite il quale potrai dare un volto più umano all’endometriosi aiutando chi, come te, sta lottando contro questo mostro invisibile.

Puoi inviarci una mail o scrivere direttamente sulla nostra pagina Facebook. Ci farebbe piacere se tu inviassi anche una tua foto, così da rendere la tua storia molto più personale e tua!

Hai mai subito violenza ginecologica?

È amaro constatare quanta poca informazione ci sia: di violenza ginecologica non si parla, non ci sono dati, statistiche, evidenze, eppure esiste. Qualcun* si è accort* molto tempo dopo, qualcun* continua a pensare che il problema sia suo e qualcun* non è consapevole, convint* del fatto che una visita funzioni esattamente così.

Il concetto di “violenza ostetrica o ginecologica”, soprattutto in Italia, non è molto conosciuto se non per l’azione e le singole campagne di alcuni gruppi femministi e di alcune associazioni di donne: può essere definita in modo generico come un insieme di comportamenti (in cui rientrano ad esempio l’eccesso di interventi medici, le cure senza consenso o anche la mancanza di rispetto) che hanno a che fare con la salute riproduttiva e sessuale delle donne, declinata sia nella scelta della maternità che, all’opposto, nel suo rifiuto. E si tratta di atteggiamenti profondamente rappresentativi delle disuguaglianze di genere, ha spiegato l’Organizzazione Mondiale della Sanità e come sostengono diversi studi scientifici in materia: si possono infatti descrivere come la forma più invisibile e naturalizzata della violenza contro le donne che, in questo caso, si verifica all’interno dei sistemi sanitari.

Purtroppo, tante, troppe donne con endometriosi hanno subito violenza sia ginecologica che psicologica da parte di medici o personale sanitario. 

Se è capitato anche a te, raccontacelo!

La tua testimonianza rimarrà anonima, ma servirà a sentirti più leggera. 

È arrivato il momento di dire BASTA !

Margherita Benni

Se hai dubbi o domande, la nostra psicologa terapeuta Margherita Benni, con la quale collaboriamo, potrà darti le risposte che cerchi.